Laromainrete.com

12 febbraio, 2013

Stekelenburg, Osvaldo e De Rossi: i dualismi che affondano la Roma

Filed under: Notizie da trigoria — Tag:, , , , , — U.C. @ 11:13 am

Zemanparlava di un dualismo malato, quello tra DeRossi e Tachtsidis, creatosi strada facendo, lungo il saliscendi du questa stagione. Di dualismi, in realtà, nella Roma di quest’anno ce ne sono però tanti, almeno tre, uno per reparto. E non hanno fatto altro che creare malumore e tensioni, togliendo energie ai diretti interessati eminando la forzamentale degli stessi. Situazioni che andavano gestite in modo diverso da società e staff tecnico e che invece sono state lasciate incancrenire così, per la timidezza (o la paura?) di non metterci le mani.

Difesa Chi urlava (legittimamente) il ritorno a gran voce di Stekelenburg tra i pali, è rimasto ancora una volta deluso. Maarten a Genova è tornato titolare e lo sarà fino alla fine del campionato, ma per l’ennesima volta non ha convinto, sbagliando sul 2-0 di Sansone (la punizione è sul suo palo e si infila proprio sopra le sue mani, lui che è alto quasi due metri e resta troppo piegato sulle gambe). Una cosa è certa, tra lui e Goicoechea resta sempre un abisso, come qualità e rendimento. Ma è altrettanto certo che da quando è arrivato a Roma, di errori Stek ne ha fatti a iosa. La speranza, ora, è che recuperi forza mentale ed autostima e che possa restituire alla Roma qualcuno dei punti che gli ha fatto perdere per strada. E, contemporaneamente, alla difesa anche un po’ di sicurezza in più, cosa che il portiere dovrebbe dare guidando il reparto (e, quindi, parlando).

Centrocampo In mezzo al campo, invece, il dualismo che ha mandato in frantumi un po’ tutti i sogni è proprio quello che si è creato tra De Rossi e Tachtsidis. Zeman aveva scelto il regista greco per la sua Roma, la gente e la società voleva De Rossi. Alla prima chance, quella di domenica scorsa, Daniele non ha però saputo cogliere l’occasione. Colpa di una scarsa forma, certo, ma probabilmente anche di una stabilità mentale che in questomomento non è delle migliori.

Attacco Infine davanti, dove a lungo c’è stata il dubbio: Osvaldo o Destro? L’Osvaldo di inizio stagione non lasciava dubbi, non c’era neanche partita. Questo qui, invece, molti di più. E forse qui il dualismo ha funzionato al contrario, appena si è fatto male Destro l’italoargentino si è seduto: niente più concorrenza, niente più rischi. Qui la testa, però, non conta. E’ una questione di stimoli. E di motivazioni, che è profondamente diverso. Gasport

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: