Laromainrete.com

30 gennaio, 2013

Ritardi, insulti, esultanze: le 17 norme da rispettare

Quindici pagine intitolate: «Regolamento interno». Ovvero, un piccolo vademecumdel perfetto calciatore del TerzoMillennio. O quasi, visto che la data del documento (25 giugno 2009, con validità fino al 30 giugno 2010) non normava ad esempio ancora l’utilizzo dei social network, tant’è che l’attuale dirigenza lo sta revisionando in questi giorni per inserire nuove voci. Tutto nel contratto Quali saranno le novità? Ad esempio una piccola guida di Roma e dell’Italia, una serie di numeri utili e soprattutto la codificazione delle ore che un tesserato deve essere disponibile per le attività di sponsorizzazione e per tutto ciò che il club ritiene funzionale al proprio lavoro. Secondo gli intendimenti della dirigenza, questo (e molto altro) sarà inserito in un allegato al contratto che ciascun calciatore è obbligato a firmare. Le 17 regole Ciò non toglie, comunque, che regole e norme esistano anche adesso perché—secondo quando fa sapere la dirigenza — il codice di cui pubblichiamo un estratto qui accanto (pagina 14) resta sempre in vigore nonostante i lavori in corso. Ci sono 17 inadempimenti sanzionati qui riassunti: 1) non partecipazione alle iniziative 2-3) dichiarazioni senza autorizzazione 4-5) Ritardo e assenze ingiustificate all’allenamento 6) Conferenza senza materiale dello sponsor tecnico 7) Assenze in conferenza 8) Utilizzo nelle gare di materiale diverso dallo sponsor 9) Partenza per le trasferte senza divisa ufficiale 10) Indisciplina durante gli allenamenti 11) Sostituzione senza saluto al compagno 12) Uscita dal campo con gesti sgarbati verso il tecnico 13-14) Esultanza che comporti l’ammonizione o la squalifica; 15) Espulsione per comportamento antisportivo 16) Dichiarazioni lesive dell’immagine della società e degli arbitri 17) Mancato rispetto delle disposizioni sanitarie. A fianco, ci sono le multe previste che (al lordo mensile) vanno dal 5% al 30%, a seconda che sia la prima, la seconda o la terza sanzione. La norma più «costosa» è la 15. Etica&Professionalità Questo regolamento, fino al 2011 fatto firmare ad inizio anno a ciascun giocatore, discende nel dettaglio dal codice etico (anche questo fatto sottoscrivere) che norma per grandi principi i comportamenti di tutti i tesserati, non solo calciatori, su argomenti che vanno dal doping al rapporto coi procuratori. Come si vede, nel regolamento non ci sono (e non ci saranno) argomenti come i comportamenti a tavola o l’orario di rientro a casa la sera perché sono cose che, secondo il club, afferiscono alla professionalità degli atleti. In generale, nelle 15 pagine del regolamento c’è quasi tutto, dagli inviti a Trigoria ai biglietti a disposizione dei singoli, dalle cure esterne al rapporto col canale tematico e Sky, dalle maglie da regalare ai rapporti coi club dei tifosi. Insomma, le regole ci sono tutte o quasi. Basta saperle trovare, mostrare e farle applicare. Facile? Non ci giureremmo. Gasport

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: