Laromainrete.com

20 dicembre, 2012

Lamela contro El Shaarawy

Sarà una sfida nella sfida, e solo per palati raffinati, quella che andrà in scena sabato sera in un Olimpico gremito e sotto gli occhi del presidente giallorosso James Pallotta. Da una parte Erik Lamela, «El Coco», e dall’altra Stephan El Shaarawy, «Il Faraone». Sono loro la «meglio gioventù» – inseriti dalla rivista «Don Balon» nella lista dei migliori 101 talenti del calcio mondiale – in un campionato italiano che ha perso alcune tra le sue stelle più lucenti. Entrambi classe ’92, con le stimmate dei predestinati, sono esplosi in questa stagione dopo un anno di apprendistato in serie A. Prima dell’infortunio alla caviglia contro il Torino, l’argentino viaggiava ad una media gol da attaccante di razza. Il suo «score» recita 8 reti e 1 assist in 13 presenze (942 minuti complessivi), non poco per un esterno. Meglio ancora ha fatto El Shaarawy, che ha tenuto a galla il Milan e nei momenti dimaggiore difficoltà ha risolto più di un problema ad Allegri, che se siede ancora sulla panchina rossonera lo deve anche a lui: con 14 reti in 17 partite (16 in 23 considerando la Champions) è il capocannoniere del campionato ed è riuscito a conquistare anche la fiducia di Cesare Prandelli, che lo ha convocato con la nazionale maggiore (2 presenze e 1 gol, nell’amichevole contro la Francia). Rispetto a Lamela il percorso del talento italiano di origine egiziana è stato più lineare: cresciuto all’ombra di Ibrahimovic, ha avuto il tempo di migliorare senza avvertire il peso delle tante responsabilità che invece ha dovuto sopportare l’argentino lo scorso anno. Arrivato dal River Plate per una cifra che tra cartellino, commissioni e bonus vari ha sfiorato i 20 milioni di euro, ha dovuto fare fin da subito i conti con una caviglia disastrata dopo il Mondiale Under 20. Con Luis Enrique una stagione con pochi alti – lo splendido gol al Palermo al suo esordio all’Olimpico – e molti bassi: alla fine solo 6 gol tra campionato e Coppa Italia e più di qualcuno che era già pronto a metterne in dubbio le doti. La rivincita è arrivata con Zeman che ha usato più il bastone («Non ha ancora capito niente dei movimenti che voglio », disse all’inizio del campionato) della carota, ma i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Se sabato sera riuscirà a vincere il duello a distanza con il milanista, la Roma ha buone possibilità di battere i rossoneri. E di passare un Natale al riparo dalle polemiche. Corsera

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: