Laromainrete.com

29 novembre, 2012

Champions a 64 squadre. Platini: «Deciderò nel 2014»

«Champions League a 64 squadre e abolizione dell’Europa League? C’è un dibattito in corso per decidere quale forma avranno le competizioni europee tra il 2015 e il 2018. Ne stiamo discutendo, prenderemo una decisione nel 2014. Per ora non c’è niente di deciso ». Con queste parole il presidente della Uefa, Michel Platini, ha confermato – in un’intervista al giornale francese, Ouest France – ciò che il quotidiano tedesco Bild aveva svelato lo scorso aprile. In pratica il presidente della Uefa vorrebbe cancellare l’Europa League per poter creare una maxi Champions League con 64 squadre a partire dal 2016. Anche se poi, nel corso dell’intervista, Platini frena o quasi: «È una questione che emerge periodicamente e non mi preoccupa. Non vedo come potrebbe funzionare fuori dal contesto dell’Uefa. Chi arbitrerebbe le gare? In quali stadi giocherebbero? E la vogliono in tanti? Io non credo». Il progetto a cui sta pensando la Uefa, come detto, rivoluzionerebbe la massima competizione europea. In particolare, assicurerebbe più spazio ai Paesi di secondo piano. Le potenze calcistiche come Spagna, Inghilterra e Germania avrebbero al massimo sei rappresentanti. I club di Lettonia, Bielorussia o Slovacchia, in compenso, potrebbero partecipare con continuità al torneo. Per quanto riguarda i club italiani non è dato sapere la loro posizione tranne per quanto riguarda il Milan. Adriano Galliani, infatti, da tempo auspica una sorta di campionato europeo. Ma su questa idea di Platini ancora non si è espresso chiaramente. A spingere il presidente della Uefa alla rivoluzione, anche, il fattore economico. L’Europa League, infatti, garantisce alle società partecipanti introiti nettamente inferiori rispetto a quelli prodotti dalla Champions. Secondo i maligni, invece, dietro a tutto ci sarebbe l’interesse, e la necessità, di Platini di aumentare il suo consenso. Il presidente dell’Uefa, infatti, è un grande sostenitore delle piccole federazioni e in particolare dell’Europa dell’Est. Federazioni che furono decisive per permettergli nel 2007 di sedere sul trono dell’organo di governo del calcio continentale a scapito del suo predecessore, lo svedese Johansson. Dall’altra parte però Platini andrebbe contro i grandi club come Barcellona e Bayern Monaco che non avrebbero accolto con grande entusiasmo l’allargamento della Champions ad altre 32 formazioni. Il Romanista

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: