Laromainrete.com

24 ottobre, 2012

Da bluff ad uomo-assist Ivan rinasce sulla fascia

Filed under: campionato — Tag: — U.C. @ 11:12 am

Considerando che anche ieri Dodò non si è allenato, allora un Ivan Piris in più chissà che non faccia davvero comodo. Soprattutto, poi, se il laterale paraguaiano è quello di Genova e non quello ammirato (si fa per dire) nei tre mesi precedenti in giallorosso. Del resto, che la prestazione di Marassi sia stata la più positiva in assoluto dopo tanti passaggi a vuoto (compresi i primi 20 minuti di Marassi) è fuori ombra di dubbio. Esattamente come è fuori ombra di dubbio che Piris, per far cambiare idea su di sé, ora deve dare continuità. Come Maradona e Platini «A me fa piacere che abbia fatto una buona prestazione anche per voi che vedete la partita da lì sopra», aveva detto Zeman domenica— a fine gara—ai giornalisti, parlando proprio del paraguaiano. Per poi aggiungere: «Io ho sempre detto che Ivan è uno che può giocare nella Roma. Troppa fretta nel giudicarlo inadatto? In Italia in passato sono arrivati anche giocatori importanti come Maradona e Platini, che il primo anno non hanno fatto nulla, per poi mettere a disposizione della squadra le loro qualità». Ecco, senza scomodare due fenomeni del passato come «El Pibe de Oro» e «Le Roi», a Roma la gente si saprà accontentare anche di molto di meno. Basterebbe, per esempio, avere lo stesso Piris di Genova, dove il paraguaiano al solito grande impegno (quello è sempre stato impeccabile) ha abbinato questa volta anche maggiore intensità agonistica e più presenza tattica in campo. Sull’altalena Del resto, che Ivan sia bravo nella fase difensiva è un’altra cosa su cui è difficile controbattere (probabilmente, nello scacchiere difensivo di Zeman è quello che sa fare meglio la presa di posizione e le diagonali difensive, anche se la partita con il Bologna, in tal senso, ha messo in mostra qualche imbarazzo). Diverso, invece, il suo apporto in fase offensiva. Lì fin qui Piris ha subito le maggiori critiche: nella fase di appoggio alla manovra, nelle capacità di sapersi sovrapporre, nei cross. «Su Piris bisogna lavorarci su.Ha enormi qualità fisiche e buone doti tecniche», ha detto di lui ieri Eusebio Di Francesco. Piris, comunque, è in crescita: a Marassi due assist sono stati i suoi, quelli dei gol di Totti e il 2-2 di Osvaldo. «Assist a parte, è stata la mia miglior partita stagionale, anche se ci sono stati anche i due errori sui due gol del Genoa», ha detto a fine partita il paraguaiano. Futuro Adesso Piris deve continuare così: lavoro e applicazione, al massimo della concentrazione. Solo in questo modo riuscirà ad allontanare definitivamente tutte le diffidenze che girano sul suo conto, a cominciare da chi lo aveva già associato ad José Angel, l’altro flop sugli esterni dello scorso anno. Per non essere un altro José Angel, a Ivan non resta che correre. Il resto si vedrà in seguito…

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: