Laromainrete.com

23 ottobre, 2012

Col Boemo l’attacco vola: 11 gol su 15

Filed under: campionato — Tag: — U.C. @ 9:58 am

Marassi, Stadio “Luigi Ferraris”, pochi minuti prima del fischio di inizio di Genoa- Roma. Le due squadre entrano in campo dalla parte opposta a quella dove si trovano le panchine. Nel breve tragitto che bisogna percorrere per andare a sedersi su queste ultime un giocatore con la tuta rossoblu si avvicina all’allenatore della Roma Zeman per abbracciarlo e baciarlo. E’ Ciro Immobile, che con lui segnò 28 gol con il Pescara nel passato campionato di B, consacrandosi tra i migliori attaccanti giovani del nostro calcio. Ecco perché quel saluto caloroso e affettuoso praticamente dovuto, ma sincero, al maestro che gli ha insegnato i trucchi del gioco offensivo aiutandolo a crescere e ad affermarsi nel calcio che conta ha commosso lo stesso Zeman, anche se ha cercato di non darlo a vedere. Immobile (insieme a Insigne e Sansovini) è stato solo l’ultimo prodotto della scuola di Zeman, che ovunque è andato ha sempre fatto il bene dei suoi attaccanti. Esempio ne è anche la Roma di questa stagione, che nelle 7 partite di campionato disputate (Cagliari esclusa, ovviamente) ha segnato 15 reti, 11 delle quali proprio con le punte: 5 per merito di Osvaldo, 3 di Lamela, 2 di Totti e 1 di Lopez. le altre 4 marcature si dividono nelle 2 di Florenzi (il più zemaniano dei calciatori attualmente presenti nella rosa giallorossa) e nell’una a testa di Marquinho e Bradley. Il tridente, dunque, continua a tirare e segnare, nonostante in molti, dopo le battute d’arresto sofferte dalla Roma a settembre, abbiano cercato di far passare il gioco di Zeman come superato e lui stesso come bollito. Se i suoi attaccanti gli daranno retta e ne seguiranno le direttive potranno tranquillamente arrivare a segnare in cifra doppia, proprio come accadde al tridente delle altre due “Roma” che allenò alla fine degli Anni Novanta. Quella che nella stagione 1997-98 realizzò 67 gol, di cui 46 solo con gli attaccanti, ovvero 14 con Balbo, 13 con Totti, 12 con Paulo Sergio e 7 con Delvecchio. O quella che nella stagione seguente (1998- 99) di reti all’attivo ne mise 69, ben 51 delle quali firmate dai giocatori che si alternarono nel famoso tridente offensivo zemaniano: 18 da Delvecchio, 12 a testa da Totti e Paulo Sergio, 6 da Gautieri e 3 da Fabio Junior. Ovviamente la storia è la stessa se andiamo a prendere il miracoloso Foggia di Rambaudi, Baiano e Singori, che nel 1993-94 Zeman portò a sfiorare addirittura la qualificazione in Coppa Uefa o la stessa Lazio di Rambaudi, Casiraghi e Signori. Chi gioca in attacco con Zeman si diverte e non si pente mai di esserci, basta fare i movimenti giusti in campo per guadagnarsi la stima del boemo e un posto da titolare che difficilmente lascerà più. Ma attenzione, questo non significa che Destro (l’unica punta della Roma di quest’anno ancora a secco, nonché il colpo di mercato dell’estate, tra l’altro fortissimamente voluto proprio da Zeman) sia ormai tagliato fuori da un tridente che al momento sta funzionando benissimo. La stagione è lunga e presto ci sarà spazio e gloria anche per lui. Il Romanista

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: